Share This Post

Featured News / Featured Slider / Fertilità / Main Slider

Cosa mangiare per rimanere incinta: la dieta pro concepimento

Cosa mangiare per rimanere incinta: la dieta pro concepimento

La Nutrizionista e membro dell’Academy of Nutrition and Dietetics in Florida, Sarah Krieger, sostiene che mangiare come si fosse già in dolce attesa può aiutare il nostro corpo a farci rimanere incinta. Ecco come il cibo ci può aiuare ad aumentare la nostra fertilità.

Aumenta le porzioni di frutta e verdura

Uno studio condotto da Harvard School of Public Health su circa 19000 donne ha notato una maggiore incidenza di problemi ovulatori su donne che consumavano grassi, carboidrati e proteine animali. L’antidoto? Assicurati che la metà del tuo piatto ad ogni pasto sia composta da frutta fresca e verdura. Secondo la nutrizionista Alisa Vitti e autrice di WomanCode: Perfect Your Cycle, Amplify Your Fertility, Supercharge Your Sex Drive, and Become a Power Source anguria e asparagi insieme associate a frutta fresca cruda diano al corpo la giusta dose di GLUTATIONE, importante per la qualità degli ovuli.

Il cavolo, continua la nutrizionista, è un’altra verdura alleata perchè contiene nutrienti necessari per il metabolismo degli estrogeni. Vitti suggerisce di preparare centrifugati di verdura cruda o di frutta con le bacche di goji benefiche per aumentare la fertilità.

Vitti sostiene anche che alcuni noci, avocado e olio d’oliva aiutino a ridurre l’infiammazione del corpo il che aiuta a promuovere l’ovulazione regolare e la fertilità in generale. Studi hanno dimostrato che consumare una certa quantità di grassi monoinsaturi come avocado durante la procreazione assistita aumenti la probabilità di successo.

Opta per proteine “magre”

Pollo, tacchino e maiale sono un’ottima fonte di proteine, zinco e ferro, importanti per una gravidanza salutare.

Pesci come salmone, tonno e sardine sono una fonte ecellente di DHA e omega 3. Aiutano anche lo sviluppo del sistema nervoso del feto e diminuiscono notevolmente il rischio di nascita prematura. Puoi mangiarli due volte a settimana senza preoccuparti dei livelli di mercurio, sostiene Krieger, ma è sempre meglio evitare altre varietà come pesce spada e sgombro. Anche le uova sono un’ottima fonte di proteine. Danno una bella botta al colesterolo, ma il tuorlo ha eccellenti riserve di proteine e colina, una vitamina che aiuta a sviluppare la funzione cerebrale nei bambini.

Uno studio condotto dall’Harvard Public Health ha dimostrato che l’infertilità era per il 39% più probabile nelle donne che assumevano maggiori quantità di proteine animali. Fagioli, nocciole, semi e altri legumi come lenticchie e ceci sono ottime fonti di proteine.

Attenzione con i latticini

Latticini con pochi grassi sono un’ottima fonte di proteine e calcio ma è stato dimostrato che  un’alta assunzione di latticini magri sia associata al rischio di infertilità ovultoria. Se hai avuto difficoltà a rimanere incinta per lungo tempo, prova a limitare l’uso di latticini. L’eccesso di ormoni nel latte vaccino, sostiene Vitti, può disturbare il dialogo tra cervello e sistema endocrino sopratutto con le ovaie.

Lo yogurt fatto in casa o quello greco sono ricchi di batteri probiotici che aiutano a migliorare la salute del nascituro, seconod uno studio condotto su topi al Massachusetts Institute of Technology.

Dai un’occhiata anche al suo piatto

Non dimentichiamoci di cosa mangia anche il nostro partner il cui contributo verso la gravidanza è importantissimo. Secondo la dottoressa Vitti gli uomini dovrebbero mangiare asparagi, semi di girasole e altri prodotti ricchi di zinco per prevenire la conversione del testosterone in estrogeno.

L’assunzione di molti latticini è stata collegata ad una diminuzione e concentrazione dello sperma.

Il selenio è fantastico è la migliore fonte sono le noci brasiliane e un altro super food è rappresentato dalle ostriche. Oltre ad essere super afrodisiache, sono ricche di zinco e vitamina B12.

Tutti i contenuti di questo sito, inclusi i pareri medici e altre notizie correlate alla salute sono a solo titolo informativo e non devono essere considerate per una diagnosi o uno specifico trattamento. Cerca sempre il parere del tuo medico riguardo a problematiche legate alla salute tua e di altre persone. 

.

Share This Post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>